Presentato l’ultimo saggio del Prof. Francesco Paolo Maulucci all’interno della collana “I quaderni di Vicatim”, all’interno del Museo Civico di Apricena il 19 Dicembre scorso. A essere presenti all’evento, moderato dalla Dr.ssa Natia Merlin, la Prof.ssa Carla Antonacci Assessore alla Cultura, la Prof.ssa Anna Maria Torelli Vice Presidente alla Provincia, il Prof. Giuseppe Di Sipio Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Torelli – Fioritti” di Apricena.

Il saggio del Prof. Maulucci riguarda gli scavi compiuti ad Apricena nel 1995, in Piazza Federico II nei pressi del Palazzo Baronale, fondato su una struttura di epoca federiciana. Il cantiere archeologico fu definito dal Corriere della Sera come il “più bello d’Italia”, perché fu organizzato e allestito al coperto comprendendo tutta l’attività di scavo, e alla stessa fu offerta una buona luminosità in modo da permettere un’eccezionale documentazione fotografica. L’accesso al cantiere non fu impedito a nessuno, difatti l’area di scavo era facilmente visitabile dalle scolaresche locali e altri gruppi.

Questi scavi riportarono alla luce una discarica adoperata dagli abitanti di Apricena, contenente una gran quantità di reperti, specialmente ceramici, da fuoco da cucina e da mensa, con alcuni frammenti di ceramiche decorate da collocarsi tra il XII e XIV secolo.

Il Prof. Maulucci durante la serata ha esposto ampiamente questa campagna di scavo, raccontando particolari aneddoti e curiosità dal suo enorme bagaglio di esperienze archeologiche e documentazione storica. Troverete altre informazioni in riguardo nel documento pubblicato di seguito dal sito LAD – Laboratorio di Archeologia Digitale.


La ceramica precinese nella Daunia medievale (Apricena, scavi archeologici in Piazza Federico II) – fonte www.archeologiadigitale.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui