in ,

Il mondo contadino nel presepe in legno di Giuseppe Nobiletti

In un antico borgo del Gargano chiamato Ischitella, arroccato tra ulivi e querce secolari, c’è un luogo a prima apparenza anonimo, ma in realtà è scrigno di storie, di forme e figure che sono dei veri capolavori, realizzati con una sola materia prima: il legno.

Giuseppe Nobiletti è l’abile artigiano di queste straordinarie opere. Un artista della manualità che dai boschi e dalla terra trae la sua arte, la sua fonte d’ispirazione. Le sue mani conoscitrici e pazienti trovano in questo materiale una simbiosi particolare, quasi un rapporto intimo tra l’artista e la sua opera, un racconto silenzioso scandito soltanto dall’incidere del coltello e dello scalpello.

Acero bianco, noce nostrana, di questa materia sono composti i suoi personaggi, il suo mondo pastorale a scala ridotta: contadini, pastori, bestiame. Storie di un passato che qui sul Gargano è ancora presente, quotidiano. A queste rappresentazioni si associano gli utensili di uso quotidiani, ciotole, cucchiai.

Ed è proprio da questo mondo contadino, dai suoi avi, anch’essi maestri del legno, che questo tipo di passione gli è stata tramanda. Un passaggio di mano tra generazioni e tempi che ha come messaggio un amore silenzioso, un tramite tra la mente, il cuore e il legno.


Galleria fotografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Ischitella rivive il Natale nel presepe vivente in “Sottana”

Presentato il saggio del Prof. Maulucci sugli scavi di Apricena