in ,

“Sono l’unica tessitrice in paese”: Maria Voto si racconta ad Inchiostro di Puglia

Da Inchiostro di Puglia:

Caro Inchiostro di Puglia,
La mia storia ha inizio 21 anni fa, quasi nella preistoria  Quando ho imparato a tessere frequentando un corso di tessitura.

Da noi in Capitanata, fino alla fine dell’ottocento, c’erano migliaia di telai sparsi in ogni paese. E a Vico del Gargano, dove vivo e lavoro, ce ne stavano 800. Il paese era quasi una piccola industria tessile.

Nel corso di questi anni ho ritrovato motivi antichi tipici della tessitura garganica, filati naturali prodotti in loco (lino, lana e canapa ma non quella che si fuma!!).

Il mio è un lavoro (anche se per me è una passione) pesante, ma esaltante per tutta la “storia” che si porta dietro, fatta di centinaia di donne che hanno creato corredi e vestiti per sé e per la propria famiglia o da vendere a chi ne avesse bisogno.

Ad oggi, sono l’unica tessitrice in paese e non sono a conoscenza (magari ci sono) dell’esistenza di altri laboratori di tessitura garganica.

Sì. Certe volte mi chiedo “ma nel 2021 chi me lu fa fa?”.

E la risposta sta nei tessuti che creo, antichi ma contemporaneamente moderni perché semplici come la gente di Puglia.Comunque, io sono contenta assai di questi 21 anni e spero di continuare per molto ancora. Mi vedo in futuro come le vecchie tessitrici col fazzoletto attaccato in testa.

Grazie per aver ascoltato la mia storia.
Un saluto.
Maria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cosa ne pensi?

Aveva perso 17 chili in poche settimane: rivascolarizzate con un unico bypass entrambe le arterie

Una “barca di desideri” al porto di Foce Varano, per azzerare barriere, differenze e paure