di Martina Castelluccia (I.C. Ischitella)

 

Viat a lor i vcchiaredde
cum sapn racamà
quand pass jnt a purtedd
tenn semb che guardà.
Von sol oj mo murmurij cra.
i fatta lor non ci sapn proprj fa.
Viata lor vcchiaredde
alla scurd van già in cumbagn
allo scalin du ciucciaredd
che c van a freu tutt' a papagn
e zanm m'accont, cum c cambav prim,
dic semb, che a dec ann già pi len
sope grin.
Vulesse nasc ind a terr, p mbarà
tanta cos, che mi puness a un a un, a una zenn
indu cor.