di Armando Palatella e Cosimo Gnoni (Borgo Incoronata S.Pio X Foggia)

 

Vule vucille
ynde u vosche ingandate du Gargane
e sope allalbre pusete cundende,
cande i canzune che te porte u vinde.
Sazzyiete daryia fresche,
e nenne penzanne a ninte.

Vule vucille,
da nu rame allate
passe accussì u timbe
che eye tutte u tuye.
Inde a stu vosche
assymmiggye averamende nu re
e pure i vucilluzze anzimme a te.

U sole che ti spiyeinmizze e rame
a vote fa u geluse
e nenne ce pare.
U sai vucille che si furtunate?
te gude a libertà
che 'u Signore t'ha date.

 

Traduzione:

Vola uccello
nel bosco incantato del Gargano
e sugli alberi posati contento,
canta le canzoni che ti porta il vento.
Saziati d'aria fresca
e non pensare a niente.

Vola uccello
da un ramo all'altro
trascorri così il tempo
che è tutto tuo.
In questo bosco
sembri veramente un re
e anche gli uccellini insieme a te.

Il sole che ti spia in mezzo ai rami
a volte fa il geloso
e non sembra.
Lo sai uccello che sei fortunato?
Ti godi la libertà
che il Signore ti ha dato.